arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

SOSTENIBILITA’ FINANZIARIA ALBERGHIERA - Abano Terme, 26 ottobre 2017

Fornire strumenti per l’analisi della sostenibilità finanziaria degli investimenti per gli imprenditori del settore ricettivo del Bacino Termale Euganeo è l’obiettivo dell’indagine presentata al Convegno organizzato in data 26 ottobre presso Villa Bassi di Abano Terme da Fidi Impresa & Turismo Veneto e Federalberghi Terme Abano Montegrotto. L’indagine ha segnato l’avvio di un progetto di monitoraggio dello stato di salute del comparto alberghiero, condiviso con la Camera di Commercio di Padova, la Provincia, la Regione Veneto e i Comuni delle Terme.

L’indagine, svolta partendo dall’analisi dei dati gestionali come arrivi, presenze, permanenza media e tasso di occupazione delle camere e dei dati di bilancio come ricavi per presenza, capitale investito e capacità di generare cassa, ha permesso di stabilire in che misura le nostre strutture ricettive sono in grado di sostenere nel tempo l’onere degli investimenti che sono chiamate a realizzare.

La ricerca risponde particolarmente a due esigenze prioritarie:

1)      per le imprese avere dei parametri per conoscere e valutare sé stesse prima di avviare programmi di investimento

2)      per il sistema bancario poter svolgere una valutazione economico-reddituale che consenta di meglio valutare i business-plan a sostegno delle domande di finanziamento.

Su tutto appare fondamentale l’intervento di consulenza creditizia-finanziaria che svolge Fidi Impresa & Turismo Veneto la quale, ricordiamo, prosegue l’attività che nel territorio termale era svolto dall’ex Confidi Hotel di Abano. 

 

Questi i rilievi più significativi registrati nel triennio 2013-2015:

  • Gli alberghi a 3 e 4 stelle rappresentano più dell’80% delle strutture disponibili, con le presenze in aumento per queste due categorie. Inoltre i comuni presi a campione evidenziano un giorno di permanenza in più rispetto ai livelli regionali e nazionali;
  • A livello di Tasso di Occupazione, sono i 4 stelle a riempire di più la struttura arrivando a registrare nel 2015 un 68,0%, contro il 60,6% dei tre stelle e il 48,9% dei 5 stelle.
  • Analizzando il Conto Economico, anche se il risultato netto medio del periodo 2013-2015 risulta in netta crescita per le tre categorie, sono sempre i 4 stelle a dare prova di maggiori fatturati (+5.8%, contro +1,7% del 3 stelle e -3.6% del 5 stelle), maggiori fatturati/presenza (+4.9%) e fatturati/camera (+5.8%). I ricavi vengono tuttavia consumati per oltre l’80% dai costi operativi.
  • Ne risulta che sono gli hotel a 4 stelle ad avere i risultati maggiormente performanti, con redditività espressa in termini di EBITDA pari al 21%, contro l’11% dei 3 stelle e il 4% dei 5 stelle.
  • Il PFN/CIN (inteso come ricorso a mezzi di terzi per finanziare investimenti nelle proprie strutture) per gli alberghi a 3 e 4 stelle va via via diminuendo (-8,5% e -7% rispettivamente), mentre aumenta per i 5 stelle (+3%).

Top