arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube

Comunicazione

Confidi Terziario Veneto: credito più facile alle pmi

Si chiama Confidi Terziario Veneto ed è la nuova rete d’imprese che nasce da due soggetti promotori: Fidi Impresa & Turismo Veneto e Confidi Veneto, consorzi di garanzia che operano il primo a sostegno del terziario regionale per facilitare l’accesso al credito delle realtà aderenti a Confcommercio-Confturismo Veneto, il secondo soprattutto al fianco delle aziende scaligere.

 

La nascita della rete che agevolerà le Pmi nell’intercettare finanziamenti da parte degli istituti di credito è stata ufficializzata ieri con la firma dell’accordo nella sede regionale di Confcommercio Veneto tra i due consorzi presieduti rispettivamente da Massimo Zanon, alla guida anche di Confcommercio Veneto e da Paolo Artelio al timone dall’agosto scorso. L’aggregazione ottenuta coinvolge 20mila imprese, per una massa di 600 milioni di euro di finanziamenti erogati e si pone l’obiettivo di «intercettare anche incentivi regionali, nazionali ed europei», spiega Paolo Arena, presidente di Confcommercio Verona, che raggruppa le aziende del terziario locale.

 

«Con la creazione di questa rete», spiega Zanon, «si procede sul programma di aggregazione operativa tra tutti i Confidi del terziario regionale, che fanno riferimento al sistema di Confcommercio – Confturismo e che ora coinvolge tutte le province venete». Una marcia a tappe forzate iniziata con la nascita di Fidi Impresa & Turismo Veneto, dalla fusione tra Unionfidi Belluno e Fidimpresa Venezia prima, e proseguita con l’incorporazione di Fiditurismo Jesolo, fino all'ingresso di Terfidi Veneto, la cooperativa di garanzia fidi delle province di Vicenza, Treviso e Padova.

 

«Si tratta di un passo importante che abbiamo voluto percorrere con il coordinamento di Federascomfidi, nostra federazione nazionale», prosegue Zanon, «convinti che solo nell’unità operativa sarà possibile presentarci al mondo delle imprese del terziario e del turismo, alle Banche ed alle istituzioni regionali in modo univoco e coeso mettendo a fattore comune tutte le esperienze maturate in quasi 40 anni di attività». Con il nuovo accordo «sarà possibile», aggiunge, «aumentare il credito disponibile per le imprese della provincia di Verona, che potranno ottenere i benefici della controgaranzia regionale erogata tramite Veneto Sviluppo».

 

«I nostri soci beneficeranno», conferma Artelio, «di una sinergia a vasto raggio, che migliorerà il servizio loro offerto. Otterranno risposte più veloci e strutturate».

Top